Rilievo planimetrico

 

La nuova versione di AddCAD ha una serie di comandi che permettono di disegnare la planimetria degli edifici mediante un rilievo planimetrico.

In una prima fase si disegnano i vani con il comando linea, il comando muro o molto più velocemente nel caso di vani quadrilateri con il comando rettangolo e successivamente si impongono le condizioni angolari e le misure di rilievo. Il programma non esegue una vera e propria compensazione degli errori di rilievo (quasi sempre ormai non richiesta dato l’uso di strumenti laser), bensì modifica e corregge lo schema tracciato nella prima fase facendo uso dei consueti metodi per triangolazione.

Il vecchio comando rettangolo adesso fa parte del gruppo dei comandi di rilievo ed è stato modificato. Non crea più linee su un layer da specificare ma direttamente sul layer corrente e quota pavimento corrente dei muri. Un ottimo punto di partenza per ottenere un vano quadrilatero con gli altri comandi.

 

La nuova barra degli strumenti rilievoLa nuova barra degli strumenti con i comandi del rilievo planimetrico.

 

Comando NLUNG

Il comando NLUNG permette di assegnare una lunghezza ad una facciata di un muro.

Comando: nlung

Selezionare la linea in un punto vicino all'estremo invariante:

Nuova Lunghezza linea<8.630>:inserire la lunghezza della facciata

Il comando visualizza tra parentesi la lunghezza attuale della linea. E' possibile inserire un nuovo valore o digitare Invio per accettare quello vecchio.

Occorre prestare attenzione al punto di selezione della linea. Selezionare la linea vicino all'estremo che non verrà spostato. L'angolo della linea non cambia.

 

Comando RTLINEA

Comando RTLINEAIl comando RTLINEA permette di modificare due linee attraverso una triangolazione.

Comando: rtlinea

Selezionare la linea in un punto vicino all'estremo invariante:

Selezionare la seconda linea:

Lunghezza linea evidenziata<8.000>: inserire eventuale nuova lunghezza per la prima linea

Lunghezza linea evidenziata<2.934>: inserire eventuale nuova lunghezza per la seconda linea

Lunghezza diagonale<8.521>: inserire eventuale nuova lunghezza per la diagonale evidenziata

....

Si noti l'importanza del punto di selezione della prima linea. Il punto individua il vertice del triangolo che non verrà spostato e cioè invariante. La prima linea selezionata stabilisce anche che il suo angolo non verrà cambiato. Dove si seleziona la seconda linea non ha importanza. Il comando quindi rettifica le linee in base ai valori inseriti.

Stiramento automatico dei vertici delle altre linee collegate alle due linee del triangolo.

Un automatismo molto comodo è quello dello stiramento automatico degli estremi delle altre eventuali linee presenti e collegate alle due linee oggetto della triangolazione.

 

Comando RTPUNTI

Comando rtpuntiIl comando RTPUNTI permette di modificare una singola linea attraverso una triangolazione.

Si supponga di avere un vano simile a quello della figura accanto e di aver rettificato le facciate di colore viola con il comando RTLINEA. E di voler proseguire nel correggere il rilievo partendo dalla linea indicata e dai vertici estremi della linea tratteggiata che sappiamo essere già corretti. Il comando RTPUNTI risolve questo problema.

Comando: rtpunti

Selezionare il primo punto del segmento invariante:

Selezionare il secondo punto del segmento invariante: gli estremi della linea tratteggiata

Lunghezza segmento evidenziato = 4.243   (solo per controllo)

Selezionare la linea del lato da cambiare:

Lunghezza linea evidenziata<4.646>: eventuale nuova lunghezza della linea

Lunghezza diagonale<8.083>: eventuale nuova lunghezza della diagonale

Il comando quindi rettifica la linea in base ai valori inseriti.

Stiramento automatico del vertice dell'altra linea collegata alla linea da rettificare

Un automatismo molto comodo è quello dello stiramento automatico dell'estremo dell'altra eventuale linea presente e collegata alla linea oggetto della triangolazione.

 

 

Comando RPLINEA

Il comando RPLINEA

Il comando RPLINEA permette di modificare una singola linea rendendola parallela ad un'altra data.

Guardando l'esempio in figura si vede come la prima linea selezionata è quella di riferimento. Il punto di selezione della seconda linea è importante. L'estremo più vicino al punto di selezione viene preso come centro di rotazione e quindi la posizione di questo punto non cambia. Si noti che la lunghezza della linea da correggere non viene modificata.

Le richieste del comando chiariscono quanto detto.

Comando: rplinea

Selezionare la linea invariante di riferimento: prima linea

Selezionare la linea parallela in un punto vicino all'estremo invariante: seconda linea

 

Il comando quindi rettifica la linea rendendola perpendicolare a quella di riferimento.

Stiramento automatico del vertice dell'altra linea collegata alla linea da rettificare

Un automatismo molto comodo è quello dello stiramento automatico dell'estremo dell'altra eventuale linea presente e collegata alla linea oggetto della rotazione.

 

Comando ROLINEA

Comando ROLINEA

Il comando ROLINEA permette di modificare una singola linea rendendola perpendicolare ad un'altra data.

Guardando l'esempio in figura si vede come la prima linea selezionata è quella di riferimento. Il punto di selezione della seconda linea è importante. L'estremo più vicino al punto di selezione viene preso come centro di rotazione e quindi la posizione di questo punto non cambia. Si noti che la lunghezza della linea da correggere non viene modificata.

Le richieste del comando chiariscono quanto detto.

Comando: rolinea

Selezionare la linea invariante di riferimento: prima linea

Selezionare la linea perpendicolare in un punto vicino all'estremo invariante: seconda linea

 

Il comando quindi rettifica la linea rendendola perpendicolare a quella di riferimento.

Stiramento automatico del vertice dell'altra linea collegata alla linea da rettificare

Un automatismo molto comodo è quello dello stiramento automatico dell'estremo dell'altra eventuale linea presente e collegata alla linea oggetto della rotazione.

 

Converted from CHM to HTML with chm2web Pro 2.85 (unicode)