Schema di definizione ed etichette infissi

Nell'esempio della figura vogliamo definire un infisso di forma circolare con due ante apribili.

Esempio di schema di definizione infisso

Si noti che la posizione del disegno è importante al fine di determinare il punto di inserimento dell'infisso nel muro. Se ad esempio vogliamo che il quadrante inferiore venga posizionato nel muro a quota zero, esso deve stare a y uguale a zero. Se abbiamo una finestra con davanzale a 90 cm dobbiamo posizionare la linea dello schema che rappresenta il davanzale a y uguale a 90 cm.

Nota sull'unità di misura da usare

L'unità di misura che si usa dipende, come al solito con AddCAD, dalle impostazioni che abbiamo nella scheda Parametrico delle Preferenze di AddCAD. Se stiamo lavorando in centimetri significa che volendo un infisso largo 4 metri devo disegnare 400 unità se invece lavoro in metri devo disegnare 4 unità. Quando caricheremo l'infisso in un disegno verrà sempre caricato rispettando l'unità di misura del disegno.

Inserimento etichette infissiInserimento etichette infissi

Le etichette infissi servono per associare ad una regione del modello infisso un layer, uno spessore e una posizione all'interno del muro. Consideriamo lo schema in figura. Vogliamo ad esempio che il bordo circolare abbia spessore pari a 6 cm e sia generato sul layer 3DFINESTRE. Per assegnare questa caratteristica alla regione possiamo usare il comando DEFETI.

DEFETI apre una finestra di dialogo che permette di scegliere queste informazioni. I campi che troviamo sono:

Layer entità 3D

Layer delle entità delle superfici 3d che verranno generate durante l'inserimento dell'infisso.

E' possibile scegliere un layer nella lista o scriverne uno nuovo.

Spessore

Spessore della regione.

Distanza dalla facciata

La distanza dalla facciata del muro. Se si intende quella esterna o quella interna viene specificato durante la scrittura del file perchè vale per tutte le regioni definite.

Indicare spessore e distanza

L'etichetta che non è altro che il nome del layer collegato con una direttrice alla regione che definisce, può contenere o meno l'indicazione dello spessore della distanza.

Punti inserimento etichetteVisualizzazione area poligono

Se viene attivata questa opzione il programma evidenzia, al momento dell'indicazione del punto,  l'area della regione riconosciuta.

Fori vuoti negli infissi

Siccome ogni area viene riconosciuta solo se all'interno vi è un'etichetta, per poter fare un foro vuoto senza che vengano generate entità, è necessario inserire una etichetta con nome layer predefinito Vuoto.

Punti richiesti in fase di inserimento dell'etichetta

Una volta uscito con OK il comando chiede due punti. Il primo deve essere all'interno della regione che si vuole definire, il secondo la posizione dell'etichetta. Si tenga presente che il punto di inserimento della direttrice dell'etichetta deve avvenire il più vicino possibile al contorno dell'area. Il comando è di tipo iterativo, nel senso che permette di inserire più etichette dello stesso tipo chiedendo ogni volta il punto all'interno della regione e il punto di inserimento dell'etichetta, il tasto Invio termina il ciclo di inserimento.

Modifica delle etichette già inserite nel disegno

Una volta inserite le etichette possono essere modificate con il comando METINF. Il comando dopo aver selezionato l'etichetta da modificare, apre la finestra di dialogo e permette di cambiare i dati desiderati. Una volta usciti con OK viene richiesta solo la nuova posizione dell'etichetta se la si vuole cambiare altrimenti è possibile rispondere con un Invio. Le etichette possono essere spostate o copiate portando l'estremo della direttrice  nella regione desiderata.

Comando:  METINF

Selezionare etichetta infissi da modificare:

<finestra di dialogo per modifica valori>

Nuovo punto inserimento testo o Invio per confermare l'attuale posizione:

 

 

 

Converted from CHM to HTML with chm2web Pro 2.85 (unicode)