Disegnare elementi di copertura

Uno dei comandi più flessibile per la generazione di coperture a falde è T3D. Esso viene incontro in un vasto campo di applicazioni. La più importante è senza dubbio la possibilità di costruire velocemente tetti e coperture di notevole complessità. Le strategie da seguire per il disegno delle coperture possono essere molto diverse, anche portando magari allo stesso risultato. Molto dipende dai dati di progetto di partenza. La generazione delle coperture con questo comando avviene descrivendo le falde singolarmente. Inizialmente si potrà trovare il sistema non eccessivamente veloce, ma imparando a conoscere le possibilità e la flessibilità di questo comando diventa sempre più forte la convinzione che non ci sono coperture a falde che non siamo in grado di disegnare. Cominciamo con l’esaminare le opzioni e le richieste del comando.

Finestra di dialogo generatore di falde 3DSpessore falde

La casella di modifica permette di cambiare lo spessore delle falde.

Layer delle entità

Contiene la radice comune dei layer generati dal comando. A partire da questa parte comune vengono creati diversi layer, se ad esempio poniamo in Layer delle entità il nome TETTI, AddCAD genera tre layer diversi di nome 3DTETTI_S, 3DTETTI_I, 3DTETTI_L, dove colloca rispettivamente le superfici del piano Superiore, le superfici del piano Inferiore e le superfici Laterali. Se si genera anche la rappresentazione 2D viene generato anche il layer 2DTETTI. Inoltre il blocco della falda viene inserito sul layer TETTI. Ciò consente di associare colori e materiali diversi ai layer delle superfici 3dface.

Rappresentazione 2D

Il pulsante di controllo serve per creare anche le linee di rappresentazione 2D del contorno della falda.

Snap ad oggetti Fine

Nella descrizione delle geometrie delle falde spesso si fa riferimento a dei punti di entità presenti nel disegno. Per questo motivo può essere comodo l’attivazione dello snap ad oggetti Fine.

Pendenza imposta e pendenza delle falde

Pendenza imposta consente di disegnare una falda con pendenza nota. Vi sono casi che sfruttano questa possibilità. Nella casella di modifica di fianco va indicata la pendenza. La pendenza può essere inserita in gradi o in percentuale. Se si vuole inserire la pendenza in gradi occorre attivare la relativa casella di controllo. Se non si sceglie Pendenza imposta è possibile fornire il piano falda con l’indicazione di tre punti nello spazio.

Esecuzione tratteggio

Se il pulsante di controllo Esecuzione tratteggio è attivo, T3D esegue anche il tratteggio sulla falda. Se si decide di eseguire il tratteggio allora si può selezionare il modello e indicare l’angolo di rotazione del tratteggio. La scala del tratteggio viene impostata col comando FSCALA.


Una volta chiusa la finestra, il seguito del comando dipende dall'impostazione della casella Pendenza imposta. La differenza sta nel modo di acquisizione del piano falda.

Parte indipendente dalla impostazione di Pendenza imposta

Specificare il primo vertice della falda o [Invisibile]:

Specificare il vertice numero 2 [Invisibile/Annulla]:

Specificare il vertice numero 3 [Invisibile/Annulla]:

……

Il comando chiede la selezione dei vertici del contorno della falda. Non esiste alcun limite al numero dei vertici, ma occorre selezionarne almeno tre. Con Annulla è possibile annullare l’ultimo punto immesso e con Invisibile è possibile comunicare ad AddCAD che il tratto che va dal punto che si sta indicando a quello successivo deve avere spigoli invisibili. Un Invio termina la selezione dei vertici.

Specificare il primo vertice di foratura o invio per terminare [Contorno/Invisibile/Oggetto]:

Il comando chiede di indicare le aperture interne. E’ possibile farlo selezionando degli appositi oggetti parametrici come le scale o aperture falde, oppure selezionando contorni chiusi costituiti una polilinea chiusa oppure da linee ed archi oppure un cerchio. E’ possibile infine indicare dei punti di contorno esattamente come per il poligono esterno. Un Invio conclude l’immissione dei contorni interni.

Pendenza imposta non attivata

Primo punto del piano di giacenza o Invio per confermare i primi tre:

Secondo punto piano di giacenza:

Terzo punto piano di giacenza:

Il comando T3D genera delle falde piane, inclinate. Ciò significa che tutti i punti, siano essi del poligono esterno siano essi contorni di forature, vengono proiettati su un piano. Una proprietà geometrica fondamentale dei piani è che bastano tre punti non allineati per individuarlo. Il piano viene definito dai tre punti selezionati in quest’ultima fase. Si noti che se il piano viene già definito dai primi tre punti del poligono esterno allora è possibile saltare quest’ultima fase rispondendo con un Invio alla richiesta del primo punto del piano di giacenza.

Pendenza imposta attivata

Primo punto del lato gronda o Invio per confermare i primi due:

Secondo punto del lato gronda:

In questo caso basta dare i due punti estremi del lato falda più basso e il piano della falda viene calcolato grazie alla pendenza nota. Se si è iniziato a definire il contorno proprio da questi due punti è possibile rispondere semplicemente con un invio.

La proiezione sul piano, in genere è di tipo obliqua, con l’asse z come direzione di proiezione. Viene infatti trasformata solo la coordinata Z dei punti, in modo che continuino ad avere le coordinate X e Y originali, ma giacciano sul piano.

Converted from CHM to HTML with chm2web Pro 2.85 (unicode)