Definizione delle voci di computo

La definizione delle voci di computo prevede la descrizione del codice articolo e di altri tre campi chiamati attributi. Non tutti i programmi di computo metrico usano tutti gli attributi disponibili. L’uso che ne fanno dipende dal programma. L’unico campo obbligatorio per creare una voce di computo è il codice articolo.

Finestra di definizione voci di computoSi noti che alcuni programmi gestionali consentono di associare più codici di elenco prezzi al codice articolo, altri invece richiedono che si usi un codice articolo già presente nell’elenco prezzi. Alcuni trattano gli articoli come identici sia che siano scritti in maiuscolo sia in minuscolo, altri richiedono che i codici siano scritti in maiuscolo. Consigliamo di consultare i relativi manuali d’uso per una maggiore descrizione dei meccanismi dei file di interscambio.

Questa finestra presenta quattro liste dalle quali è possibile selezionare l’elemento di descrizione della voce e quattro caselle di testo nelle quali è possibile aggiungere nuovi elementi di descrizione delle voci. Possiamo dire che è possibile creare nuove voci selezionando campi descrittivi già esistenti o specificando elementi nuovi.

Come crearsi un archivio di voci di computo

Quando si apre un nuovo disegno le voci esistenti sono quelle memorizzate nel file modello. Se si desidera partire, ogni volta che si crea un nuovo disegno, con un certo numero di voci o di elementi descrittivi delle voci già definite, è possibile aprire il disegno modello e modificare con DDCOMP le voci presenti e aggiungerne altre. Questo è un modo semplice per creare un proprio archivio di codici.

Converted from CHM to HTML with chm2web Pro 2.85 (unicode)