Utilizzo delle coordinate tridimensionali

Navigation:  Guida > Coordinate e Sistemi di coordinate > Coordinate >

Utilizzo delle coordinate tridimensionali

Previous pageReturn to chapter overviewNext page

 

logo


Utilizzo delle coordinate tridimensionali


 


Specificare coordinate in tre dimensioni spaziali è simile alle due dimensioni, eccetto per le coordinate posizionate nell'asse z.Coordinate tridimensionali sono rappresentate nel formato x,y,z (2,3,6).

Utilizzo della regola mano destra

Per visualizzare come lavora ZWCAD con tre dimensioni spaziali, utilizza la tecnica nota come la mano destra.Alza la mano destra e tienila a pugno aperto con il palmo rivolto verso di te.Stendi il tuo pollice nella direzione positiva dell'asse x e il tuo indice in alto nella direzione positiva dell'asse y.Poi stendi il tuo dito medio verso la direzione dell'asse z.Queste tre dita stanno ora puntando nella direzione positiva rispettivamente degli assi x, y e z.

Puoi anche utilizzare la regola della mano destra per determinare la direzione di rotazione positiva.Punta il tuo pollice nella direzione positiva circa un asse che vuoi ruotare e poi arrotola il resto della dita verso il tuo palmo.Queste dita si arrotolano nella direzione positiva della rotazione.

060102a

La regola della mano destra aiuta a determinare la direzione positiva degli assi x, y e z. e la direzione positiva della rotazione.

Inserimento delle coordinate x, y e z

Quando lavori in tre dimensioni puoi specificare le coordinate x, y e z come distanze assolute in relazione alle coordinate del punto di origine (il punto (0,0,0) dove i tre assi s'intersecano) o come coordinate relative basate sull'ultimo punto precedentemente specificato.Per esempio, per specificare le coordinate (3,4,2), basta specificare un punto 3 unità lungo l'asse positivo x, 4 unità lungo l'asse positivo y e 2 unità lungo l'asse positivo z.

Inserimento di coordinate sferiche

Quando lavori in spazi tridimensionali puoi utilizzare coordinate sferiche per specificare un punto tridimensionale inserendo le distanze dal punto di origine (distanza assoluta) o dall'ultimo punto (distanza relativa) insieme con gli angoli nel piano e l'angolo sopra dal piano xy.Nel formato sferico puoi separare ciascun angolo con il simbolo (<). Puoi inserire i valori delle coordinate utilizzando il formato seguente: X < [angolo asse X ] < [angolo da piano XY]

Quindi per disegnare una linea dall'origine al punto distante unità 10.2500, ad un angolo di 45 gradi dall'asse x e 35 gradi dal piano xy, esegui il comando linea e poi rispondi ai solleciti come segue:

Inizio della linea: 0,0,0

Angolo/Lunghezza/<Punto finale>: 10.2500<45<35<45<35

060102b

Quando disegni una linea dal punto d'inizio (A) ad un punto fine (B) utilizzando coordinate sferiche, specifichi la sua lunghezza (C, in questo caso 10.2500 unità), l'angolo nel piano xy (D, in questo caso 45 gradi), e l'angolo dal piano xy (E, in questo caso 35 gradi).

Inserimento coordinate cilindriche

Quando lavori in spazi tridimensionali, puoi anche utilizzare coordinate cilindriche per specificare un punto tridimensionale.Puoi specificare un punto inserendo la distanza sia dal punto d'origine (distanza assoluta) sia dall'ultimo punto (distanza relativa), il suo angolo nel piano xy e i valori delle coordinate.

In un formato cilindrico, puoi separare le distanze e l'angolo con il simbolo (<) e separando l'angolo e il valore z con la virgola.Puoi inserire i valori delle coordinate utilizzando il formato X < [angolo dall'asse X]. Per esempio puoi disegnare una linea dall'ultimo punto un punto che dista 7.4750 unità, ad un angolo di 27 gradi dall'asse X nel piano xy plane e 3 unità sopra nella direzione z, inizia il comando linea e rispondi ai solleciti come segue:

Inzio di linea: (selezioni punto A)

Angolo/Lunghezza/<Punto finale>: @7.4750<27,3<27,3

060102c

Quando disegni una linea da un un punto d'inizio (A) ad un punto di fine (B) utilizzando le coordinate cilindriche, specifichi la sua lunghezza (C, in questo caso 7.4750), l'angolo nel piano xy (D, in questo caso 27 gradi) e la distanza nella direzione z (E, in questo caso 3 unità).

 

 

Riferimento comandi

PUNTINI: Controlla la visualizzazione dei marcatori punto

ID: Mostra le coordinate di una posizione

LISTA: Mostra le informazioni database per gli oggetti selezionati

GRIGLIA: Mostra una girglia di punti nella finestra corrente

SNAP: Limita il movimento del cursore a specifici intervalli

TABLET: Calibra, configura, e accende/spegne una tavoletta digitalizzata

UCS: Gestisce il sistema di coordinate dell'utente

ICONAUCS: Gestisce definiti sistemi di coordinate dell'utente

UNITA: Controlla il formato e la precisione delle coordinate e la visualizzazione degli angoli.

Riferimento di variabili di sistema

BLIPMODE: Controlla se i marcatori punto sono visibili

COORDS: Controlla quando vengono aggiornate le coordinate nella barra di stato

LASTPOINT: Memorizza l'ultimo punto inserito, espresso come coordinate UCS per lo spazio corrente; riferito dal simbolo (@) durante l'inserimento da tastiera

ELEVAZIONE: Memorizza la corrente elevazione relativa al corrente UCS per la corrente finestra nello spazio corrente

TABMODE: Controlla l'utilizzo della tavoletta