Zone

Navigation:  Lavoro > Costruzione / zona termica / dispersioni >

Zone

Previous pageReturn to chapter overviewNext page

Dati della zona

Top Previous Next

In questa finestra è necessario definire il tipo di zona.

 

image178

 

Tipo zona

Definire se si tratta di:

1.zona riscaldata;

2.zona non riscaldata;

3.zona a temperatura prefissata.

 

image181

Nota

Il tipo di zona a temperatura prefissata è di fatto molto raro da riscontrare. Si tratta di zone mantenute ad una temperatura prefissata per tutto l'anno, diversa da quella di progetto e non appartenenti all'edificio da calcolare.

Il tipo di zona influisce sui dati richiesti nelle altre sezioni della costruzione.

 

Temperatura di progetto per la climatizzazione invernale (°C)

Il valore predefinito è pari a 20 °C. Il campo è attivo solo se la zona è definita come riscaldata o a temperatura prefissata. Secondo la norma UNI/TS 11300-1 la zona riscaldata può essere considerata unica anche se costituita da spazi la cui temperatura differisce fino ad un massimo di 4°C. Quindi, nel caso si volesse considerare la zona giorno a 20°C e la zona notte a 16° C, andrà comunque inserita una sola zona riscaldata a 20°C.

 

Per tutte le categorie di edifici ad esclusione delle categorie E.6(1), E.6(2) e E.8, si assume una temperatura interna costante pari a 20°C.

Per gli edifici di categoria E.6(1)  (piscine e saune) si assume una temperatura interna costante pari a 28 °C.

Per gli edifici di categoria E.6(2)  (palestre e assimilabili) e E.8  (edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali e assimilabili) si assume una temperatura interna costante pari a 18 °C.

 

 

Temperatura zona non riscaldata (°C)

Inserire il valore della zona non riscaldata ai soli fini del calcolo della potenza di picco. Questo dato non viene utilizzato nel calcolo dell'energia che considera invece le perdite di calore verso l'esterno attraverso spazi non riscaldati secondo quanto previsto dalla norma UNI EN ISO 13789. Il campo è attivo solo per le zone non riscaldate.

Premendo il pulsante situato a destra del campo è possibile effettuare il calcolo della temperatura secondo il metodo della UNI 12831 (vedi schema più sotto). Questo calcolo richiede che nella zona sia già stato creato il locale con le relative dispersioni oppure, in alternativa, gli sia stato attribuito il fattore di temperatura btr,x.

 

image17

Il fattore bu presente nella formula corrisponde al fattore btr,x della UNI/TS 11300-1.

 

Temperature medie mensili

Inserire le temperature mensili dell'ambiente riscaldato ai fini della verifica termoigrometrica. Il pulsante a destra permette di inserire le temperature secondo norma UNI EN ISO 13788.

 

image181

Nota

Prima di effettuare questo calcolo è obbligatorio avere già selezionato il Comune nella scheda Dati generali

 

Sezione Umidità relativa

In questa sezione viene impostato il criterio per la determinazione dell'umidità interna.

 

Tipologia

Le tre scelte possibili sono:

Zona non climatizza;

Zona climatizzata;

Umidità relativa di progetto (predefinita) .

 

Umidità relativa di progetto (%)

Nel caso sia stata selezionata l'opzione Umidità relativa di progetto il programma imposta automaticamente tale valore al 65%, come indicato dal DLgs 311. Negli altri casi il campo non è attivo.

 

Umidità relative medie mensili

Nel caso sia stata selezionata  l'opzione Zona climatizzata, inserire i valori di umidità relativa di tutti i 12 mesi.

 

Classi di umidità interna

Nel caso sia stata selezionata  l'opzione Zona non climatizzata, modificare il valore di riferimento predefinito (Dp pari a 810 Pa) trascinando con il mouse l'indice presente nel righello orizzontale. In alternativa inserire il valore desiderato nel campo Diminuzione di pressione tra l'interno e l'esterno (Dp).

 

Diminuzione di pressione tra l'interno e l'esterno (Dp)

Vedi campo precedente opzione Classi di umidità interna.

 

Temperatura di progetto per la climatizzazione estiva

Inserire il valore di temperatura di progetto estiva per il calcolo del fabbisogno di energia per la climatizzazione estiva. Il valore predefinito è pari a 26°C.

 

Tasso di ventilazione convenzionale tra spazio non riscaldato ed ambiente esterno (nue h-1)

Il campo è attivo solo se la zona  è definita come non riscaldata. Viene utilizzato nel calcolo del coefficiente Hu secondo la norma UNI EN ISO 13789. Seguono i valori suggeriti dalla norma stessa.

 

Numero

Tipo di tenuta all'aria

nue [h-1]

1

Nessuna porta o finestra, tutti i giunti tra componenti ben sigillati, nessuna apertura di ventilazione

0

2

Tutti i giunti tra componenti ben sigillati, nessuna apertura di ventilazione

0,5

3

Tutti i giunti tra componenti ben sigillati, piccole aperture per la ventilazione

1

4

Nessuna tenuta all'aria a causa di alcuni giunti aperti localizzati o aperture di ventilazione permanenti

5

5

Nessuna tenuta all'aria a causa di numerosi giunti o ampie o numerose aperture di ventilazione permanenti

10

 

Efficenza del recuperatore di calore

In presenza di sistema di ventilazione meccanica a doppio flusso, inserire il rendimento dell'eventuale recuperatore (numero compreso fra 0 ed 1), se presente. In assenza di recuperatore inserire 0. Nel caso, per esempio, che il recuperatore abbia un rendimento del 70%, inserire il valore 0,7.

 

ricambi orari per edifici adibiti ad abitazioni

Inserire il numero di ricambi orari (espresso in volumi/ora) della zona ai fini del calcolo del fabbisogno di energia. Secondo il paragrafo 12 della UNI/TS 11300-1 il valore predefinito per le abitazioni è pari a 0,3 riferito al volume netto.

 

ricambi orari per edifici diversi dalle abitazioni

Per determinare i ricambi orari per edifici diversi dalle abitazioni, seguire lo schema di calcolo riportato di seguito:

 

Simbolo

Unità di misura

Descrizione

Qop

m3 / (h * pers.)

portata specifica di aria esterna per persona (vedi 1^ tabella sotto)

ns

1/m2

indice di affollamento (vedi 2^ tabella sotto)

Su

m2

superficie utile climatizzata

nrif

-

affollamento di riferimento = Su * ns * 0,6

Vn

m3

volume netto climatizzato

k

-

coefficiente di contemporaneità di utilizzo delle bocchette aspiranti

k = 0,6 per sistemi a portata variabile

k = 1,0 per sistemi a portata fissa

n

vol/h

n. di ricambi orari da inserire su Termo_CE = (Qop * nrif * k)  / Vn

 

Portate d'aria esterna Qop (rif. UNI 10339)

Categorie di edifici

Qop

m3 / (h * pers.)

EDIFICI ADIBITI A RESIDENZA E ASSIMILABILI

- abitazioni civili:

- collegi, luoghi di ricovero, case di pena, caserme, conventi:

sale riunioni

dormitori, camere letto

 

39,6

 

32,4

39,6

ALBERGHI, PENSIONI, ecc.

ingresso, soggiorni, camere letto

sale conferenze, auditori

sale da pranzo

 

39,6

19,8

36,0

EDIFICI PER UFFICI E ASSIMILABILI

uffici

locali riunione

centri elaborazione dati

 

39,6

36,0

25,2

OSPEDALI, CLINICHE, CASE DI CURA E ASSIMILABILI

39,6

EDIFICI ADIBITI AD ATTIVITÀ RICREATIVE, ASSOCIATIVE, DI CULTO

- cinematografi, teatri, sale congressi

sale in genere, sale lettura biblioteche

palcoscenici, studi TV

mostre, musei, pinacoteche, luoghi di culto, pasticcerie

bar

sale da ballo

 

 

19,8

45,0

21,6

36,0

59,4

ATTIVITÀ COMMERCIALI E ASSIMILABILI

- grandi magazzini

piano interrato

piani superiori

- negozi o reparti di grandi magazzini:

barbieri, saloni di bellezza

abbigliamento, calzature, mobili, ottici, fioristi, fotografi

alimentari, lavasecco, farmacie

zona pubblico banche, quartieri fieristici

 

 

32,4

23,4

 

50,4

41,4

32,4

36,0

EDIFICI ADIBITI AD ATTIVITÀ SPORTIVA

- piscine, saune e assimilabili

piscine (sala vasca), saune

- palestre e assimilabili

palazzetti sportivi

bowling

- palestre:

campi gioco

zone spettatori

 

 

9,0

 

23,4

36,0

 

59,4

23,4

EDIFICI ADIBITI AD ATTIVITÀ SCOLASTICHE

- asili nido e scuole materne

- aule scuole elementari

- aule scuole medie inferiori, biblioteche, sale lettura e sale insegnanti

- aule scuole medie superiori, universitarie, musica, lingue e laboratori

 

14,4

18,0

21,6

25,2

 

 

Indici di affollamento ns (rif. UNI 10339)

Classificazione degli edifici per categorie

Indice di affollamento

ns

EDIFICI ADIBITI A RESIDENZA E ASSIMILABILI

- abitazioni civili:

soggiorni, camere letto

- collegi, luoghi di ricovero, case di pena, caserme, conventi:

soggiorni

sale riunioni

dormitori

camere letto

- alberghi, pensioni:

ingresso, soggiorni

sale conferenze (piccole)

camere letto

 

 

0,04

 

0,20

0,60

0,10

0,05

 

0,20

0,60

0,05

EDIFICI PER UFFICI E ASSIMILABILI

uffici singoli

uffici open space

locali riunione

centri elaborazione dati

 

0,06

0,12

0,60

0,08

OSPEDALI, CLINICHE, CASE DI CURA E ASSIMILABILI

degenze (2-3 letti)

corsie

camere sterili e infettive

visita medica

soggiorni, terapie fisiche

 

0,08

0,12

0,08

0,05

0,20

EDIFICI ADIBITI AD ATTIVITÀ RICREATIVE, ASSOCIATIVE, DI CULTO

- cinematografi, teatri, sale congressi

sale in genere

biglietterie, ingressi

borse titoli e simili

sale attesa stazioni e metropolitane, ecc.

- musei, biblioteche, luoghi di culto

sale in genere

luoghi culto

- bar, ristoranti, sale da ballo

bar in genere

sale pranzo ristoranti

sale da ballo

 

 

1,50

0,20

0,50

1,00

 

0,30

0,80

 

0,80

0,60

1,00

ATTIVITÀ COMMERCIALI E ASSIMILABILI

- grandi magazzini

- negozi o reparti di grandi magazzini:

alimentari, abbigliamento, calzature, mobili, ottici, fioristi, fotografi

barbieri, saloni di bellezza, lavasecco, farmacie, zona pubblico banche

- quartieri fieristici

 

0,25

 

0,10

0,20

0,20

EDIFICI ADIBITI AD ATTIVITÀ SPORTIVA

- piscine, saune e assimilabili

piscine (sala vasca)

saune

ingressi

- palestre e assimilabili

campi gioco

zone spettatori

bowling

ingressi

 

 

0,30

0,50

0,20

 

0,20

1,50

0,60

0,20

EDIFICI ADIBITI AD ATTIVITÀ SCOLASTICHE

- asili nido e scuole materne

- aule scuole elementari, medie inferiori e superiori

- aule universitarie

- altri locali:

aule musica e lingue

laboratori

sale insegnanti

 

0,40

0,45

0,60

 

0,50

0,30

0,30

 

 

Esempio di calcolo per una zona termica adibita ad Uffici.

 

Simbolo

Unità di misura

Descrizione

Qop

m3 / (h * pers.)

39,6 (da tabella UNI 10339)

ns

1/m2

0,06 (da tabella UNI 10339)

Su

m2

289,21

Vn

m3

998

k

-

sistema a portata fissa, k = 1

 

n. di ricambi orari = (39,6 * 289,21 * 0,06 * 0,6 * 1)  / 998 = 0,413

0,413 è il valore da inserire nel campo "Numero di ricambi orari" della zona.