Verifica termoigrometrica

Navigation:  Lavoro >

Verifica termoigrometrica

Previous pageReturn to chapter overviewNext page

Verifica termoigrometrica e sfasamento onda termica

Top Previous Next

Selezionando la scheda Verifica termoigrometrica il programma effettua la verifica delle strutture secondo la norma UNI EN ISO 13788, nonché il calcolo dello sfasamento dell'onda termica secondo UNI EN ISO 13786/2008

 

image59

 

image181

Nota

Nel caso si voglia effettuare la verifica di una struttura verso il terreno, fare

clic con il mouse sul testo "Esterno" che si trova in basso a sinistra del diagramma

e selezionare Terreno.

 

Nella parte bassa dello schermo è possibile selezionare la struttura da verificare.

 

Il programma effettua due calcoli di verifica:

 

il primo riguarda il calcolo della criticità di condensa superficiale. Viene verificato che il fattore di temperatura superficiale interna fRsi,min massimo dei mesi della stagione di riscaldamento sia minore o uguale a valore di fRsi massimo ammissibile, calcolato con un'umidità relativa interna non superiore ad 80%;

il secondo riguarda il calcolo della formazione di condensa interstiziale che non deve mai superare il valore massimo ammissibile pari a 500 g/m2 e che deve comunque evaporare completamente durante i mesi estivi.

 

Affinché la struttura risulti idonea devono essere verificati entrambi i calcoli.

 

In generale, qualora nella struttura in esame si formi condensa interstiziale tale per cui la verifica risulti negativa, occorre tenere presente che un migliore comportamento igrometrico può essere ottenuto intervenendo sulla disposizione degli strati secondo i seguenti

criteri:

disposizione verso il lato esterno degli strati caratterizzati da maggiore resistenza termica R (ovvero materiali la cui trasmittanza termica U è particolarmente bassa, quali i materiali isolanti);

disposizione verso il lato interno degli strati caratterizzati da maggiore resistenza alla diffusione del vapore (μ).

 

Qualora invece si verifichi condensa superficiale è possibile ottenere effetti migliorativi nei seguenti modi:

abbassando la trasmittanza termica della parete (isolando meglio la struttura);

diminuendo l'umidità relativa interna della zona riscaldata utilizzando un climatizzatore e/o deumidificatore che mantenga un valore costante di umidità più basso nei mesi invernali. Si tratta di impostare, nei dati della zona risaldata, un valore di umidità più basso rispetto al valore del 65% suggerito dal D.Lgs. 311/06.

 

Sotto ai mesi il programma visualizza l'esito della verifica riportando il messaggio "Struttura verificata" oppure "Struttura non verificata". A destra del messaggio è presente un pulsante che permette di visualizzare maggiori informazioni.

 

Premendo il pulsante Relazione si ottiene, nel gestore testi interno al programma, il documento dettagliato con tutti i calcoli mensili della verifica. L'uso del gestore testi è del tutto simile ai più diffusi programmi di gestione testi (come Microsoft Word) ed è possibile effettuare operazioni di copia-incolla per esportare la relazione in tali programmi.

 

image317

 

Una volta ottenuta la relazione è possibile esportarla in formato RTF oppure PDF premendo l'icona visualizzata in figura.

 

image181

Nota

Il programma calcola due distinti valori di trasmittanza termica:

1.la trasmittanza termica calcolata nella finestra strutture usa i valori di resistenza superficiale assegnati alla struttura stessa. Questo valore di trasmittanza  viene utilizzato per il calcolo di potenza e di energia;

2.la trasmittanza termica calcolata nella verifica termo igrometrica utilizza i valori di resistenza superficiale dettati dalla norma UNI EN ISO 13788 (Rsi sempre = 0,25 ed Rse sempre = 0,04). Questo valore di trasmittanza viene utilizzato solo ai fini della verifica termoigrometrica.

 

Sfasamento onda termica

Premendo il pulsante Sfasamento onda termica si ottiene il calcolo della trasmittanza periodica della struttura con il dettaglio di tutti i calcoli intermedi. Premendo il pulsante Relazione è possibile ottenere, nella seconda pagina, il risultato di calcolo e la relativa prescrizione e verifica.

 

Questo calcolo è necessario per tutte le categorie di edifici, ad eccezione delle categorie E6 ed E8 e della zona climatica F, qualora il valore medio mensile sul piano orizzontale nel mese di massima insolazione estiva, Im,s, sia maggiore od uguale a 290 W/m2 e la struttura abbia una massa superficiale (intonaco escluso) inferiore a 230 kg/m2. In questo caso bisogna dimostrare che la struttura ha caratteristiche termiche dinamiche analoghe o addirittura migliori rispetto ad una struttura tradizionale che rispetti il valore minimo di massa superficiale.

 

L'utente può prendere una qualsiasi struttura di riferimento che abbia massa superficiale superiore al limite e confrontare le caratteristiche termiche dinamiche con quelle della struttura che non rispetta la massa superficiale.

 

Si riporta un esempio:

 

Struttura pesante di riferimento

Trasmittanza termica periodica

0,065

W/m2K

Fattore di attenuazione

0,181

-

Sfasamento dell'onda termica

-11,665

h

Massa superficiale (escluso intonaco)

356

kg/m2

Massa superficiale

404

kg/m2

 

Struttura leggera con massa superficiale < 230 kg/m2

Trasmittanza termica periodica

0,063

W/m2K

Fattore di attenuazione

0,175

-

Sfasamento dell'onda termica

-11,675

h

Massa superficiale (escluso intonaco)

185

kg/m2

Massa superficiale

233

kg/m2

 

La trasmittanza termica periodica della struttura che non rispetta il requisito di massa superficiale è inferiore a quella della struttura di riferimento, pertanto è dimostrata l'idoneità a quanto prescritto dalla normativa.

 

image181

Nota

Quando si richiede la stampa della relazione tecnica, il programma stamperà una tabella contenente le strutture sottoposte a verifica. Secondo il DPR n. 59/2009 è sufficiente che la struttura abbia massa superficiale Ms superiore a 230 kg/m2 oppure che il valore della trasmittanza termica periodica YIE sia inferiore a 0,12 W/m2K per le pareti opache verticali ed inferiore a 0,20 W/m2K per le coperture orizzontali ed inclinate: è sufficiente che una sola delle due verifiche risulti positiva affinché il requisito richiesto sia soddisfatto.