Dati della costruzione

Navigation:  Lavoro > Costruzione / zona termica / dispersioni >

Dati della costruzione

Previous pageReturn to chapter overviewNext page

Dati della costruzione

Top Previous Next

image185

Premessa

Il programma gestisce il lavoro suddividendolo in una o più costruzioni. Lo scopo di questa suddivisione è di gestire le zone termiche servite dallo stesso impianto e che costituiscono l'edificio-impianto oggetto di calcolo.

 

Per cambiare nome ai nodi è sufficiente selezionarli con un clic del mouse  e, dopo qualche secondo, fare un secondo clic (in alternativa premere il tasto F2).

 

image272

 

Dopo avere assegnato il nome desiderato premere Invio per confermare e compilare i dati richiesti:

 

image273

 

Classe

Selezionare dalla casella a discesa la classe di appartenenza prevista dal DPR 412/93. Nel caso l'edificio appartenga alla categoria E1, se necessario, è possibile attivare l'opzione Collegio, convento, casa di pena o caserma per soddisfare, in fase di verifica, quanto previsto dal DLgs 311.

 

Utilizzo

In caso di edifici diversi dalla classe E.1.1 oppure E.1.2, oppure in caso di Collegio, convento, casa di pena o caserma, questo dato è utilizzato per il calcolo degli apporti interni gratuiti.

In funzione della scelta, nella casella a destra apporti medi interni (Ami) il programma propone i valori previsti dalla UNI/TS 11300-1.

 

Modalità di calcolo apporti interni per edifici della classe E.1.1 oppure E.1.2:

Destinazione d'uso

Apporti interni

Unità di misura

Appartamenti di superficie utile di pavimento Af <= 170 m2

5,295 x Af -0,01557 x Af2

W / m2

Appartamenti di superficie utile di pavimento Af > 170 m2

450

W

 

Modalità di calcolo apporti interni per edifici diversi dalla classe E.1.1 oppure E.1.2:

Categoria di edificio

Destinazione d'uso

Apporti medi globali

 

 

W / m2

E.1 (3)

Edifici adibiti ad albergo, pensione ed attività similari

6

E.2

Edifici adibiti a uffici e assimilabili

6

E.3

Edifici adibiti a ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili

8

E.4 (1)

Cinema e teatri, sale di riunione per congressi

8

E.4 (2)

Mostre, musei e biblioteche, luoghi di culto

8

E.4 (3)

Bar, ristoranti, sale da ballo

10

E.5

Edifici adibiti ad attività commerciali e assimilabili

8

E.6 (1)

Piscine, saune e assimilabili

10

E.6 (2)

Palestre e assimilabili

5

E.6 (3)

Servizi di supporto alle attività sportive

4

E.7

Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili

4

E.8

Edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali e assimilabili

6

 

 

Dimensioni

 

Superficie esterna che delimita il volume calcolata da dispersioni.

Attivando questa opzione la superficie esterna totale utilizzata per determinare il rapporto di forma S/V sarà calcolata in base alle dispersioni (vedi paragrafo Modalità_inserimento_misure).

 

Superficie esterna che delimita il volume da input

La selezione di questa opzione consente di inserire direttamente nel campo a fianco la superficie esterna totale da utilizzare nel rapporto di forma S/V.

 

Superficie netta totale (m2)

In caso di edifici diversi dalla classe E.1.1 e E.1.2 inserire la superficie netta totale calpestabile dell'edificio (somma delle superfici dei vari piani).

In caso di edifici della classe E.1.1 oppure E.1.2 il campo non è editabile ed il suo valore è il risultato delle superfici inserite nella finestra Informazioni utilizzo, illustrata in seguito (somma delle superfici dei vari piani). Il dato è utilizzato ai fini del calcolo dell'indice di prestazione energetica in kWh/m2anno.

 

Superficie in pianta lorda (m2)

Inserire la superficie in pianta lorda, somma delle superfici dei vari piani. In caso di più appartamenti riscaldati da un generatore centralizzato, inserire la somma delle superfici di tutti gli appartamenti.

 

 

Costante di tempo dell'edificio

 

Si ricorda che la norma EN ISO 13790 definisce la costante di tempo t (ore) come rapporto tra la capacità termica dell'edificio C (Wh/K) ed il coefficiente di dispersione termica dell'edificio H (W/K):

 

t = C / H

 

Calcolo analitico capacità termica interna.

Attivando questa opzione il programma calcola la capacità termica interna in funzione delle strutture presenti nelle dispersioni della zona secondo la norma UNI EN ISO 13786/2008.

 

Per edifici esistenti, o nel caso in cui siano presenti strutture definite con il flag Trasmittanza nota, la norma permette di effettuare il calcolo secondo il prospetto 16 della UNI/TS 11300-1, semplicemente disattivando il flag Calcolo analitico capacità termica interna. In questo caso è necessario attribuire il valore della capacità termica unitaria e la superficie da considerare nel calcolo compilando i due campi relativi. Premendo i pulsanti a lato è possibile ottenere l'elenco delle capacità secondo UNI/TS 11300-1 e la superficie calcolata dal programma. Tale superficie è calcolata in funzione di tutte le dispersioni della zona (comprese quelle di tipo "Altra U.I. riscaldata") al netto dei fori ed al lordo di eventuali nicchie e cassonetti ad essi attribuiti. Non vengono inoltre conteggiate le superfici verso altri locali riscaldati della stessa zona mentre quelle verso altre zone vengono conteggiate. Nel caso si desideri attribuire una superficie diversa basterà inserirla direttamente nel campo senza utilizzare il pulsante calcolatrice.