Dimensionamento del muro

Navigation:  Muro di sostegno NTC >

Dimensionamento del muro

Previous pageReturn to chapter overviewNext page

 

Dopo aver confermato con OK si otterrà il calcolo dei seguenti  coefficienti:

spinta attiva del terreno (Ka)  per l’angolo intero (M1) e ridotto (M2).

spinta sismica (KAaE) per l’angolo intero (M1) e ridotto(M2) assumendo la direzione del sisma verticale verso l’alto (-kv) e verso il basso (+kv)

 

L’opzione Dente di Fondazione consente di definire le dimensioni e la posizione di un dente sotto la fondazione del muro.

Nella verifica a scorrimento statica si terrà conto del contributo della resistenza del dente, mediante il contributo della spinta passiva del terreno contro la parete del dente. Nelle verifiche sismiche si trascura il contributo del dente.

Il contributo della spinta passiva è messo in conto per una percentuale non eccedente il 50%.

 

clip0031

 

In questa nuova finestra dovremo inserire ancora dei dati necessari alla successiva fase di calcolo. Tali dati sono:

 

-spessore inferiore al muro: è lo spessore del muro di sostegno nella sezione di innesto del muro stesso con la fondazione.

 

-spessore superiore muro: è lo spessore del muro di sostegno alla sua sommità.

 

-lunghezza a valle della fondazione: è la lunghezza a valle del muro di sostegno che si desidera adottare per la fondazione del muro.

 

-lunghezza a monte della fondazione: è la lunghezza a monte della fondazione.

 

 

clip0032

 

 

Se però si desidera avere un maggior aiuto da parte del programma sul dimensionamento della fondazione, è possibile lasciare in bianco una o entrambe le lunghezze della fondazione stessa in modo tale che vengano calcolate automaticamente procedendo così alla fase di Progetto. In caso di sporgenza nulla assegnare una dimensione minima di 1 cm.

 

 

Nel nostro esempio procederemo ad una verifica di determinate dimensioni del muro. Inseriamo quindi i dati come riportati nella finestra precedente e premiamo il tasto OK.

Comparire la videata che riportiamo di seguito:

 

clip0033

 

Il programma, in base ai dati inseriti, esegue le seguenti verifiche:

 

-Ribaltamento: secondo la combinazione (EQU+M2)

-Scorrimento e Carico Limite: per l’approccio 1 comb. 1 (A1-M1-R1) , approccio 1 comb. 2 (A2-M2-R2) e l’approccio 2 (A1-M1-R3)

-Sismiche: per sisma verticale in direzione verso l’alto (-kv) e basso (+kv)

 

 

Per ogni verifica è indicato :

-il valore della sollecitazione (Ed)

-il valore della resistenza (Rd)

-il coefficiente parziale γR di riduzione della resistenza

-il rapporto di sicurezza (Rd/Ed) che deve risultare > 1

 

Nella verifica a carico limite è indicata anche la pressione limite del terreno σt ottenuta con la formula della capacità portante.

 

Il riquadro inferiore consente di visualizzare alternativamente i dati per l’approccio 1 e 2.

Nelle combinazioni statiche l’approccio 1 prevede 2 combinazioni.

Nelle combinazioni sismiche i coeff. parziali dei carichi sono assunti unitari.

 

Eventuali verifiche non soddisfatte sono evidenziate in rosso.